Dintorni

A un tiro di schioppo da Cattolica si situa Gradara, uno dei borghi più belli d’Italia nonché “Capitale del Medioevo”. Il castello, con la sala delle torture e il camminamento di ronda e la doppia cinta muraria malatestiana, vi trasporterà di colpo a svariati secoli fa, quando era frequentato dai Malatesta, dai Montefeltro, dai Borgia, dai Medici, dai Della Rovere. È in questo castello gioiello che la leggenda ambienta il canto V dell’Inferno di Dante, ecco perché può dirsi il luogo eccellente degli amori tormentati. Agli inizi di agosto Gradara è teatro di un evento imperdibile, “The Magic Castle”, una sei giorni di magia in cui centinaia di artisti si alternano sui palchi allestiti nell’intrico di vicoli medievaleggianti. Rimarrete sospesi tra un passato solido e un presente dai contorni sfumati.

Altro borgo squisitamente malatestiano è Montefiore Conca, che domina una delle colline della Valconca con la sua monumentale Rocca. L’impianto è tipicamente medievale, ma i ricchi ritrovamenti preistorici e romani vi faranno sprofondare di qualche altro secolo. Ogni domenica di ottobre il paese ospita la “Sagra della Castagna”, accompagnerete le caldarroste bevendo dalla celebre fontana del vino. Chi ama l’arte può partecipare a “Una stagione per le arti”, manifestazione che si tiene a luglio. In occasione del plenilunio di luglio, Montefiore ospita “Rocca di Luna”, una kermesse in cui artisti di strada, musicisti e circensi fanno deflagrare il borgo. Lo spettacolo piromusicale di chiusura è un evento nell’evento che vi farà galleggiare attoniti ai piedi del castello.

Il passato s’intreccia mirabilmente al presente anche in un altro borgo di matrice malatestiana, Mondaino. Se Montefiore è il comune dei vasi, Mondaino è il paese delle fisarmoniche artigianali. E numerosi sono gli eventi musicali che ospita. Se invece siete appassionati di scacchi, in aprile potrete partecipare al torneo scacchistico Dante Alighieri. I giovani latinisti avranno agio di confrontarsi nel Latinus Ludus, gli amanti della natura scopriranno mille e una meraviglie della flora mediterranea all’interno dell’Arboreto Sperimantale. Ma l’evento clou di Mondaino è il “Palio de lo Daino”, che si svolge nella seconda metà di agosto. Giochi, libagioni e tenzoni medievali fanno da cornice a una delle ricostruzioni storiche più apprezzate d’Italia.

Racchiuso tra la Porta Marina rivolta verso il mare e la Porta Montanara che guarda gli Appennini, e dominato dalla Torre Civica, Saludecio è arroccato su una collina della Valconca. Qui il Medioevo s’è vestito di Ottocento, secolo in cui il paese è stato restaurato. Non a caso agli inizi di agosto va in scena “Ottocento Festival di Saludecio”, ricca rassegna di teatro e danza all’insegna della riscoperta del diciannovesimo secolo, con tanto di leccornie ottocentesche. Ma mostre teatrali e convegni a tema ottocentesco si tengono anche durante l’anno (“800 Eventi”). E ogni secondo fine settimana di luglio la rassegna “800 NNT Nero Notte Teatro” fa rivivere il gotico ottocentesco all’interno del castello di Meleto.

A San Marino, considerata la più antica repubblica del mondo (fra quelle esistenti), potreste perdervi letteralmente nel tempo. Il calendario sammarinese inizia il 3 settembre, giorno del 301 d.C. in cui fu fondata la repubblica. E se la visitate alla fine di luglio, in occasione delle quattro “Giornate Medievali della Repubblica di San Marino”, potreste rivivere le atmosfere di mille e passa anni fa. Non soltanto le tre celebri torri danno vita a scene di sapore medievale, ma tutto il centro storico è animato da sfilate in costumi d’epoca e spettacoli di sbandieratori e giocolieri. Non mancano le ricostruzioni dei bivacchi e dei mercati medievali, parteciperete a tornei e giochi storici. Ci sarà persino la possibilità di simulare un assalto al castello.

Anche San Leo appartiene all’associazione dei “Borghi più belli d’Italia”. Una visita, per breve che sia, vi farà capire le ragioni. Lo spettacolo che offre il Castello di San Leo ha del prodigioso, costruito com’è sulla sommità d’una parete a picco di oltre 600 metri. Antica roccaforte fin da quando i Montefeltro intorno al Mille lo elessero a sede della casata, San Leo è stato immortalato da Dante e da Machiavelli, nonché conteso secolo dopo secolo dalle casate più illustri. Non perdetevi la tre giorni di fine agosto “AlchimiAlchimie”, manifestazione ispirata al Conte di Cagliostro che si tiene nella fortezza di Montefeltro, prigione in cui il conte fu rinchiuso. A fine giugno la festa medievale “Giullari in Festival” ricorda il passaggio di San Francesco da San Leo.

GUARDA I NOSTRI MENU'
alla sezione " Ristorante"
A PARTIRE DA € 8,00

Chiamaci

Organizziamo a bordo piscina: feste di compleanno, addio al celibato, addio al nubilato, feste, pranzi e cene aziendali su prenotazione

 (+39) 329 3788825